Densitometria ossea

La densitometria ossea è una indagine diagnostica che utilizza un fascio di raggi X che, attraversando il segmento osseo da esaminare, consente di determinare la densità ossea. Infatti è possibile calcolare la densità della componente minerale dell’osso conoscendo il coefficiente di attenuazione dell’osso e dei tessuti molli e l’intensità del fascio di raggi X attenuato e non attenuato.

Non prevede la somministrazione di traccianti radioattivi al Paziente in quanto si utilizza una sorgente esterna al Paziente. La misura della densità ossea può essere effettuata in diversi distretti corporei; nella osteoporosi primaria, di norma, si preferisce effettuare la misura di densità ossea sul rachide lombare fino all’età di 65 anni, sul femore o sul radio dopo questa età. In alcune situazioni cliniche è utile la misura di tutti e tre i segmenti. La tecnica di scansione “total body” non è di norma utilizzata per misurare la densità ossea ma per studiare la composizione corporea (massa ossea, massa muscolare e massa grassa) nelle situazioni cliniche in cui questa informazione è ritenuta importante.

Medici:

  • Dr. Mario Crispino (Medico Responsabile)
  • Dr. Gianluigi Moscatelli

Esami eseguiti: densitometria osssea con TC vertebrale e femorale
Strumentazione:  TAC GE, DEXA GE Lunar