Influenza e raffreddore: ecco come prevenire i malanni di stagione

Influenza e raffreddore: ecco come prevenire i malanni di stagione

12/02/2019

A cura del Dott. David Foley, specialista in Medicina d’emergenza e Direttore Sanitario del Centro Affidea Express Care di Tallaght a Dublino

 

Parola chiave: prevenzione!

Per quelli che rientrano nei gruppi ad alto rischio, come gli anziani e le persone con malattie croniche, il vaccino per l’influenza è un obbligo. Non bisogna mai sottovalutare i rischi di questa infezione. Ogni anno, infatti, ci sono casi di persone morte a causa dell’influenza – registrati anche su persone appartenenti a gruppi a basso rischio. Per questo gli operatori sanitari hanno una particolare responsabilità nel salvaguardare dalle sindromi influenzali se stessi, le loro famiglie e i pazienti.

Restano sempre valide le regole di base:

  • Lavarsi le mani ed evitare di starnutire all'aria aperta. Le infezioni al torace, infatti, vengono trasmesse dalle minuscole goccioline nell'aria, che ci passiamo l’uno con l’altro tramite contatti ravvicinati. Si può ridurre la velocità di trasmissione delle infezioni occupandosi dell’igiene delle mani, lavandole spesso e in maniera accurata.

 

  • Evitare di toccare gli occhi o la bocca e mantenere una certa distanza da quelli che tossiscono e starnutiscono.

 

  • Mantenere uno stile di vita e una dieta sana: evitare l’alcool e ridurrei fattori di stress sicuramente sono un modo per contribuire a mantenere il nostro sistema immunitario in ottime condizioni, in grado di difenderci dai virus.

 

Cosa fare se si contrae l’influenza?

Distinguere tra una lieve malattia virale e una polmonite batterica può risultare difficile, anche per i medici, e il settore non aiuta, perché spesso vengono usate terminologie come bronchite, infezione toracica, pleurite e polmonite indistintamente.

In poche parole, è meglio distinguere le singole infezioni in infezioni respiratorie superiori o inferiori.

  • Le infezioni delle vie respiratorie superiori sono solitamente causate da un virus e i sintomi includono mal di gola, naso che cola, dolori e febbre. Le infezioni delle vie respiratorie superiori si risolvono in pochi giorni e il trattamento standard prevede di ridurre i sintomi assumendo paracetamolo o ibuprofene fino a quando l'infezione virale non è stata debellata dal sistema immunitario.

 

  • Le infezioni del tratto respiratorio inferiore sono di solito causate da batterie chi ne soffre lamenta tosse, febbre, sudorazione, mancanza di appetito e una generale sensazione di malessere. Queste infezioni possono essere gravi, specialmente per i soggetti più vulnerabili, e necessitano del controllo dei sintomi e degli antibiotici. La sfida sia per chi ne soffre sia per i medici consiste nel valutare a quale gruppo appartengono i sintomi e, di conseguenza, quale cura antibiotica risulta più appropriata.

 

La maggior parte delle infezioni invernali sono innocue e di origine virale, ma ci sono alcuni campanelli di allarme che dovrebbero indurre i pazienti a consultare un medico.

I sintomi di malattie infettive che includono difficoltà respiratorie, dolore toracico, vomito o vertigini sono indici di una malattia più grave e richiedono la supervisione medica.